top of page
Un momento delle riprese di Cenerentola di Cristina Fabbrini Serravalle
Cristina Fabbrini Serravalle e Sergio Rubini

Ho scritto queste brevissime sceneggiature durante i Workshop con Sergio Rubini, e ne è venuto fuori qualcosa di interessante...

Cenerentola e la Principessa

Andrea: - Ciao Silvia, come va?

(Silvia alza solo il mento, indicando il padre seduto al tavolo nel retrobottega del bar)

Andrea: - Hai già chiuso?

(Silvia guarda l'orologio appeso alla parete) - Eh.

Andrea: - Insomma Silvia, che hai? E' qualche giorno che non ti si può stare accanto, mordi! E poi guardati: è possibile che non riesci a sistemarti un po'? Un po' di trucco, una maglietta un po' più... non so, sei sciatta.

Silvia: - E perché? Per risultare affascinante a qualche ubriacone? Per qualche svoltolato? O magari per quello stronzo di papà?

Andrea: - Ok, avete litigato ancora Che c'è, sei sotto ciclo?

Silvia: - Ciclo un cazzo! La fai facile, tu. A te viene sempre tutto bene, no? L'università, lo shopping in centro, gli amici altolocati. Persino quello stronzo con l'Audi. Bello, elegante, figo. Dimmi una cosa principessa: tu lo sai come ci si sente a essere una cenerentola del cazzo, una che nemmeno la fatina si ricorda che esista? (Scuote la testa) No. Non lo sai. Quindi non venire qui a farmi la tua morale spicciola. Non mi serve. Fammi un favore, vattene. Non ce l'hai un happyhour qualunque che ti sta aspettando?

Andrea: - Sì, in effetti ce l'ho. Io... ero venuta a chiederti se volevi venire anche tu. C'è uno stronzo con il Mercedes che...

ma in fondo, magari, no.

Le fotografie utilizzate nella sezione "Briciole" sono state scattate da Federico Guida durante le riprese  e sono di proprietà della © Milano Film Academy

bottom of page